Logo

Attualmente sei su:

11/11/14 - LA FILARIOSI IN TRENTINO: UN'INDAGINE INNOVATIVA

COSA E' LA FILARIA
La dirofilaria immitis, generalmente chiamata filaria è un parassita del cane, del gatto e del furetto molto diffuso in tutta Italia.


Questo parassita, nella forma adulta, si presenta sottile e filiforme e può raggiungere dimensioni notevoli (dai 12-15 cm nel maschio fino ai 25-30 cm della femmina), alloggia nei grandi vasi sanguigni, in particolare nell'arteria polmonare anche se non di rado arriva ad occupare il ventricolo destro del cuore, dove avviene la riproduzione.


La filaria non produce uova, ma larve di primo grado (chiamate anche L1, o microfilarie), che vengono trasportate dal sangue fino ai capillari periferici.


Ci si potrebbe chiedere perchè, dato che il luogo prescelto per la crescita e la riproduzione degli adulti sono i grossi vasi sanguigni, le larve si spostino così lontano; ebbene questa è forse la particolarità più grande della filaria, le larve non possono crescere all'interno dell'animale, ma hanno bisogno di un ospite intermedio, all'interno del quale svolgere due fasi fondamentali di crescita, il passaggio da L1 a L2, e da L2 a L3.


L'ospite intermedio è in questo caso una zanzara (o meglio più zanzare, appartenenti ai generi Culex, Aedes, Culiseta ed Anopheles), che succhiando il sangue dei nostri animali ingerisce le larve L1. A questo punto, all'interno dell'intestino, il parassita cresce fino a diventare una L3, e si sposta dall'intestino dell'insetto fino alle sue ghiandole salivari.


Indovinare il resto è fin troppo semplice, quando la zanzara pungerà un altro animale, secernerà la sua saliva infetta, ed in questo modo rilascerà le larve all'interno del circolo sanguigno del secondo ospite, dove esse potranno diventare adulte causando numerosi problemi, che possono portare alla morte dell'animale.


 

LA RICERCA
Lo studio che lo staff del Centro Veterinario Cles sta conducendo, è uno studio epidemiologico che riguarda un areale vasto, che va dalla periferia nord di Trento fino alla Val di Non e Val di Sole, e comprende anche la città di Bolzano.


Consiste nel raccogliere campioni di sangue da soggetti rispondenti a determinate caratteristiche; una volta raccolti, i campioni verranno esaminati tramite il test Fassisi® CanDiro fornitoci dall'azienda Promovet, ed i risultati riportati in apposite schede.


Lo studio vanta due partner importanti, l'azienda Promovet per quanto riguarda la fornitura dei test, assoluta garanzia di affidabilità, e l'azienda Merial per la sovrintendenza tecnica e scientifica del progetto.
Il patrocinio di queste due importanti aziende ci permette di proporre questo test in maniera completamente gratuita, per aderire basta telefonare presso la nostra struttura per prendere un appuntamento.